Covered: la corsa del Nikkei, +45% circa da maggio 2005

Inviato da Redazione il Mer, 21/12/2005 - 10:14
Mentre l'Europa dormiva, Tokyo ha compiuto l'ennesimo rally con il Nikkei che si è affacciato oltre quota 16.000 per poi terminare poco sotto tale area. E' da metà 2005 che l'indice nipponico si è messo a correre guadagnando, da maggio 2005, oltre il 45%. Di pari passo è cresciuta la fiducia di investitori e gestori, con ben il 72% dei money manager intervistati da Morningstar che si sono espressi positivamente per il 2006, nonchè la fiducia degli stessi giapponesi nella loro economia. Gli ultimi dati macro rilevati vedono un Pil in crescita, una produzione industriale che avanza dello 0,6%, una bilancia commerciale in forte crescita anche per merito della forza del dollaro (è atteso però un rafforzamento della valuta locale) ma soprattutto un tasso di inflazione finalmente positivo tanto che la Bank of Japan già si prepara all'inversione di marcia nella politica monetaria, passaggio che sarà effettuato con la massima gradualità possibile e che vedrà, come prima misura, una riduzione delle riserve in yen e poi un primo, modestissimo aumento dei tassi. Le prossime rilevazioni macro da tenere sotto controllo saranno domani l'indice industriale complessivo e l'indice del settore terziario relativi a ottobre, che dovrebbero attestarsi rispettivamente a +0,5 (da -0,4) e a +0,7 (da -0,7), e settimana prossima i prezzi al consumo di novembre, il tasso di disoccupazione, la produzione industriale e le vendite dei grandi magazzini. Chi si attende ulteriori corse del Nikkei può investire, tra le altre, con la call di Société Générale con strike 15.500 punti e scadenza a giugno 2006, con le call 16.000 di Deutsche Bank o Goldman Sachs in scadenza rispettivamente a marzo o giugno 2006 o con i bull certificate di Abn Amro aventi strike 12.500 o 13.000 punti e in scadenza a dicembre 2006. Chi invece attende almeno una pausa per l'indice guida del Sol Levante, può rivolgersi alla put 13.500 di SocGen in scadenza a giugno 2006, al bear certificate 20.000 di abn Amro in scadenza a dicembre 2006 o all'equity protection certificate di Unicredito con protezione 100% strike 11.000 e scadenza a giugno 2006.
COMMENTA LA NOTIZIA