1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered: attesi i tassi di disoccupazione di Europa e Stati Uniti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tutto come previsto. Sia la Fed sia la Bce hanno detto e fatto le cose che il mercato sperava, fugando un allarmismo esagerato. Le parole di Trichet hanno allontanato l’ipotesi di un rialzo dei tassi di interesse europei nel breve termine. L’allarme resta alto; Trichet ha messo in guardia su “rischi significativi” al rialzo per l’inflazione nel medio termine e si è detto vigile e pronto a intervenire ma, obiettivamente, quando mai il governatore ha abbassato la guardia? Tutto come prima allora, anzi meglio forse. Perchè intanto l’economia del Vecchio continente ha dato ripetuti segnali di risveglio. Sul versante opposto dell’Atlantico Alan Greenspan è stato nuovamente protagonista nell’audizione alle Commissioni economiche del Congresso. Il presidente della Fed ha mantenuto toni ottimistici sulla crescita economica mentre sull’inflazione ha evidenziato la presenza di maggiore incertezza. Nella giornata odierna dagli Usa arriveranno il tasso di disoccupazione a ottobre, atteso stabile al 5,10%, la variazione degli occupati non agricoli a ottobre, (consensus +75.000 unità da -35.000), gli occupati nell’industria manifatturiera nello stesso mese stimati in calo di 10.000 unità e infine il salario medio orario stimato stabile a +0,20% di crescita. Il Vecchio continente si misurerà invece con i prezzi alla produzione di settembre (consensus +0,5% da +0,4%), con una disoccupazione che nello stesso mese dovrebbe essersi confermata all’8,6% e con gli ordini all’industria tedeschi di settembre (consensus +1,4% da -3,7%). Al rialzo sull’indice S&P500 sono disponibili, tra le altre, le call di Unicredito con strike 1.200 e 1.250 con scadenza rispettivamente a dicembre 2005 e marzo 2006, le call di Goldman Sachs con strike 1.250 o 1.350 in scadenza a marzo o il Bull certificate di Abn Amro con strike 1.000 e scadenza a giugno 2006. Sul ribasso ci si può rivolgere alle put 1.250 o 1.300 di Unicredito in scadenza a giugno 2006, alle put 1.150 di Goldman Sachs in scadenza a marzo 2006 oppure infine al Bear certificate di Abn Amro con strike 1.400 in scadenza a maggio 2006.