1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered: anche l’Eurozona a confronto con i prezzi al consumo (martedi’)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nell’ottava che si apre oggi solo un paio di dati macro verranno resi noti nel nostro Paese. Giovedì la fiducia dei consumatori di ottobre è attesa in crescita a 103 punti da 102,8 mentre gli ordini industriali dovrebbero aver subito una contrazione ad agosto pari al 2,2% da +3,6%. In calo anche le attese per le vendite al dettaglio (venerdì) relative al mese di agosto (-0,2% da -2,1%). Dall’altra parte dell’Oceano il dato sui prezzi al consumo “core” di settembre ha in parte mitigato i timori di inflazione e di conseguenti interventi sui tassi da parte della Fed. L’inflazione preoccupa anche la Bce come è emerso anche dall’ultimo bollettino mensile. Da tenere d’occhio dunque l’indice dei prezzi al consumo nell’Eurozona nel mese di settembre (martedì). Le attese sono per un incremento congiunturale dello 0,4% da 0,3% che dovrebbe portare il dato tendenziale al +2,5% da +2,2% (il dato tendenziale “core” dovrebbe invece attestarsi all’1,4%, invariato da agosto). Sempre in ambito inflazione e prezzi dell’energia è da segnalare il ritorno dei prezzi del barile di Wti sui 64 dollari dopo la recente correzione. Importante anche il sondaggio Zew tedesco (martedì) che dovrebbe rimbalzare a 41,5 punti da 38,6 di settembre. Il sottoindice relativo alla situazione corrente dovrebbe invece attestarsi a -55 da -58,1. Chi prevede che l’indice guida di Piazza Affari sia pronto a ripartire dopo la correzione della prima metà di ottobre può rivolgersi, tra le altre, alla call di Banca Sella con strike 33.000 in scadenza a dicembre, alle call 33.500 o 34.000 di Unicredito in scadenza rispettivamente a novembre 2004 o febbraio 2005 o ai wave certificate di Deutsche Bank con strike 32.000 o 32.500 punti. Su un approfondimento della discesa sono disponibili la put 34.000 di Unicredito in scadenza a novembre, le put 33.500 e 33.000 rispettivamente di Citibank e Banca Imi in scadenza a dicembre opure infine i wave certificate sempre di Deutsche Bank con strike 35.500 o 35.000 punti.