Covered: alle 11:00 il sondaggio Zew dalla Germania

Inviato da Redazione il Mar, 14/03/2006 - 10:07
"L'Iran non arretrerà di un passo sul diritto di usare l'energia nucleare a fini pacifici". Con queste parole ieri il presidente Ahmadinejad ha nuovamente sfidato la comunità internazionale mentre il ministro dell'Energia Fattah annunciava l'avvio ufficiale del programma di costruzione di una nuova centrale. Il petrolio ne ha risentito immediatamente con il Wti che a New York è salito verso i 63 dollari al barile per poi ritracciare su 62,60. Nella seduta odierna, con un orecchio sempre teso alla questione nucleare iraniana, i dati macroeconomici in uscita saranno, per gli Usa, il dato sulle partite correnti del quarto trimestre 2005, attese in peggioramento a -218 miliardi di dollari da -195,8, le vendite al dettaglio di febbraio che dovrebbero risultare in calo dello 0,8% da +2,3% del mese precedente (-0,5% è il dato stimato al netto della componente auto da +2,2%) e le scorte industriali a gennaio previste anch'esse in calo dello 0,3% da 0,7% del mese precedente. In Europa, già reso noto il dato sull'inflazione francese di febbraio, cresciuta dello 0,4% m/m e dell'1,9% a/a contro attese rispettivamente a +0,5% e +2,1%. Ora si attende la diffusione del sondaggio Zew tedesco che dovrebbe stabilizzarsi sui livelli elevati raggiunti nei mesi precedenti a quota 71 da 69,8. Il sottoindice sulla situazione corrente è atteso invece a -15,8 da -19,5. Un rialzo dell'indice Dax potrebbe essere sfruttato, tra le altre, con le call di Unicredito o Société Générale aventi strike rispettivamente 5.700 e 5.800 in scadenza a giugno, con la call 5.900 di Deutsche Bank in scadenza nello stesso mese o con i Bull certificate di Abn Amro aventi strike 4.873 e 4.924 e scadenza a dicembre. Sul ribasso sono disponibili le put di Deutsche Bank con strike 5.800 e 5.700 in scadenza a giugno, il Bear certificate di Abn Amro con strike 6.157 e scadenza sempre a giugno oppure infine al Wave certificate di Deutsche Bank con strike 5.950 e medesima scadenza.
COMMENTA LA NOTIZIA