1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered: al centro dell’attenzione, in settimana, i prezzi al consumo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nella nuova ottava diversi gli appuntamenti macroeconomici da ricordare. In particolare andranno tenute sotto stretta osservazione le rilevazioni sui prezzi al consumo statunitensi ed europei, entrambe mercoledì. Per gli Usa il dato “headline” di aprile è previsto in crescita dello 0,5% m/m (0,4% a marzo) e del 3,5% a/a (3,4% a marzo) mentre il dato “core” dovrebbe essere sceso a 0,2% da 0,3% su base mensile ma salito al 2,2% da 2,1% a/a. Nel vecchio continente, sempre ad aprile, i prezzi al consumo dovrebbero essere saliti dello 0,6% m/m (come in marzo) mentre il dato annuo dovrebbe balzare dal 2,2% al 2,4%. Stabile però la rilevazione a/a del dato core, +1,4% come in marzo. Gli Stati Uniti renderanno noti, nel corso dell’ottava, anche i prezzi alla produzione sempre relativi ad aprile le nuove costruzioni residenziali e permessi edilizi in aprile nonchè l’utilizzo della capacità produttiva, altro indicatore utile a identificare la possibilità di spinte inflazionistiche. E’ previsto un ulteriore incremento. In aumento è stimata anche la produzione industrial,e sempre ad aprile mentre l’ultimo dato utile per gli Usa, giovedì, sarà l’indice Fed di Philadelphia. In Europa, domani dalla Germania atteso l’indice Zew di maggio mentre mercoledì, insieme con la rilevazione sull’inflazione, arriverà la produzione industriale a marzo, prevista in contrazione. Per la seduta odierna solo due dati in arrivo dagli Usa, l’indice Empire Manufacturing di New York, stimato dal mercato in crescita a 17 punti da 15,8, e gli acquisti netti dall’estero di attività denominate in dollari, previste in calo a 80 miliardi di dollari da 86,9. Al rialzo sull’S&P/Mib sono disponibili, tra le altre, le call Goldman Sachs con strike 37.500 in scadenza a luglio e settembre o le call 38.000 di Unicredito in scadenza a giugno o settembre. Al ribasso ci si può rivolgere alle put 38.500 e 38.000 rispettivamente di Unicredito e Deutsche Bank in scadenza a luglio o alle put 37.000 di Banca Imi in scadenza a settembre o dicembre.