1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Covered: accoglienza anche troppo ottimistica per le parole della Fed

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Fed ha alzato il tasso di interesse al 4,25% come previsto e ha modificato la dichiarazione di accompagnamento alla decisione eliminando la parola “accomodante” riferita alla politica monetaria adottata. Ciò è stato interpretato come un segnale di avvicinamento al livello di neutralità dei tassi e dunque al termine dei rialzi. Wall Street ha reagito positivamente, “anche troppo” secondo gli esperti di Banca Intesa, che tendono invece a sottolineare come nel comunicato non vi sia nulla che faccia pensare a un ammorbidimento dei toni. Nel comunicato la Fed ha confermato l’esistenza di rischi inflazionistici verso l’alto, a causa del rezzo dell’energia affiancato a un aumento dell’utilizzazione delle risorse, e ha indicato che “alcuni ulteriori interventi misurati sono probabilmente necessari”. Nella seduta odierna gli appuntamenti ai quali prestare attenzione saranno le scorte di petrolio Usa con il Wti che oscilla nei pressi dei 61 dollari al barile, la bilancia commerciale di ottobre, che dovrebbe evidenziare un calo del deficit a 63 miliardi di dollari da 66,1 del mese precedente e l’indice dei prezzi all’importazione di novembre, stimato in calo dello 0,3% come nel mese precedente. Al rialzo sull’indice S&P500 sono disponibili, tra le altre, le call 1.200 e 1.250 di Unicredito in scadenza a marzo 2006, le call 1.350 o 1.400 di Goldman Sachs in scadenza rispettivamente a marzo e giugno 2006 oppure i bull certificate di Abn Amro con strike 950 e 1.000 e scadenza a giugno 2006. Sul ribasso ci si può invece rivolgere alle put di Unicredito con strike 1.300 e 1.250 in scadenza a giugno 2006 oppure infine ai bear certificate di Abn Amro con strike 1.500 e 1.400 in scadenza a giugno 2006.