La corsa della Cina rallenta, delusi i mercati e gli analisti

Inviato da Valeria Panigada il Gio, 15/07/2010 - 10:35

Le fiamme del Paese del Dragone si raffreddano con dati macro deboli che deludono le attese degli analisti: il Pil relativo al secondo trimestre e la produzione industriale a giugno hanno rallentato insieme alle vendite al dettaglio, gettando l'ombra sulla ripresa economica globale e deprimendo i mercati. Unica nota positiva è che le misure restrittive del governo finora applicate sul settore finanziario e immobiliare per calmierare i prezzi e tenere sotto controllo la crescita hanno avuto i loro effetti.

Il Pil nel secondo trimestre 2010 ha segnato un +10,3% contro la crescita dell'11,9% del primo trimestre. Il dato è sotto le attese che indicavano un rialzo del 10,5%. Delusione anche per il dato sulla produzione industriale che a giugno è aumentata del 13,7% su base annuale, contro il precedente +16,5% e un consensus al +15,1%. E ancora, le vendite al dettaglio sono sì salite a giugno registrando un rialzo del 18,3% su base annuale, però meno rispetto a maggio quando erano aumentate del 18,7% e delle attese ferme a un +18,8%. Infine, anche l'inflazione ha frenato, con l'indice dei prezzi al consumo che ha segnato a giugno un +2,9% rispetto al +3,1% del mese precedente. Gli analisti si aspettavano addirittura una crescita dell'indice del 3,3%.

In scia ai dati macro snocciolati questa mattina, i mercati azionari asiatici si deprimono. La Borsa di Shanghai ha terminato in deciso calo (lo Shanghai Composite ha ceduto l'1,87%), con vendite sostenute sui titoli minerari e industriali. Pesante anche la piazza di Hong Kong che ha chiuso poco fa con l'indice Hang Seng in ribasso dell'1,5%. 

La reazione è arrivata anche dagli analisti. Rbs ha tagliato le stime di crescita della Cina al +10% dal precedente +11% per l'anno in corso e ha abbassato anche le previsioni per il prossimo anno: +9% da +9,5%. "Il ritmo di crescita al 10,3% del Pil è storicamente alto, tuttavia se questo trend di minore crescita continuasse anche nel secondo semestre del 2010, l'economia cinese potrebbe svenire durante l'estate", commentano oggi gli esperti di Société Générale.

COMMENTA LA NOTIZIA