Corradin: “S&P/Mib, supporto da monitorare a quota 33.200”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’S&P/Mib si ravviva nella seconda parte della seduta e a meno di mezz’ora dalla chiusura delle contrattazioni si muove vicino ai massimi di seduta vicino a 33.600 punti. Il mese di agosto è stato caratterizzato da un’elevata volatilità, come rileva Carlo Corradin di B&S Joint che prosegue: “Il mancato consolidamento oltre 34.000 punti ha dato il via a una serie di ordini in vendita che hanno portato l’S&P/Mib al test del supporto di quota 33.200 e, sulla tenuta di quest’ultimo, ad una reazione ridimensionatasi nelle ultime due sedute. Ora l’obiettivo più immediato è quello di cercare un consolidamento sopra 33.300 e l’indice sembra essere in grado di riuscirci grazie alla spinta di Eni ed Enel e di Finmeccanica e pur mancando dell’apporto di Telecom Italia e Generali. Su eventuali arretramento il supporto da monitorare rimane a quota 33.200 punti la cui violazione porterebbe ad allunghi verso 33.000 e, su cedimento di quest’ultima soglia, a una perdita notevole di forza. D’altronde una correzione è comprensibile dopo il bel movimento partito dai minimi di fine giugno, movimento di cui tra l’altro non è stato ripercorso neanche un terzo. Sul versnte rialzista – conclude Corradin – la tenuta di 33.200 è utile a creare una buona base di consolidamento, anche se la visione rimane moderatamente negativa nel breve periodo, mentre superare i massimi di lunedì a 33.800 punti cntribuirebbe ad allentare la pressione delle vendite. Solo con una rottura decisa di quota 34.000 si potrebbe però uscire dalla fase laterale per riprendere il movimento rialzista”.