1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Corradin: “S&P/Mib: pronta reazione alla scivolata di venerdi’”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street chiusa per la festività del Martin Luther King day ma Piazza Affari non sembra essersene resa conto e, fin dalle prime battute, ha preso decisamente la via del rialzo arrivando oltre la soglia dell’ultima mezz’ora di contrattazioni con rialzi di quasi un punto percentuale. L’S&P/Mib si è riportato in tal modo nelle vicinanze del massimo di giovedì scorso a quota 36.707 punti soglia da tenere sotto controllo per ulteriori estensioni verso il prossimo obiettivo di quota 37.000 che appare a portata di mano visto il quadro di positività disegnato per l’indice guida di Piazza Affari da Carlo Corradin, analista tecnico di B&S Joint: “Nelle prime due settimane dell’anno l’S&P/Mib è riuscito a mostrare una maggiore forza relativa rispetto agli altri indici europei e all’Eurostoxx50, grazie soprattutto alla presenza di una nutrita pattuglia di titoli petroliferi o comunque legati al settore energetico favoriti dal surriscaldamento del prezzo del greggio, e dopo aver limitato i danni oggi sta sovraperformando l’indice più rappresentativo dei mercati europei. Con la performance di oggi si è riavvicinato ai 36.660 punti della chiusura di giovedì scorso, prima della correzione di fine ottava, riconfermando il trend positivo che ha però bisogno di una conferma del momento positivo da parte di Wall Street prima di effettuare nuovi spunti al rialzo. Anche perchè, ampliando lo sguardo alle prime due settimane dell’anno, l’andamento del nostro indice è stato sì sovraperformante rispetto all’Eurostoxx50 ma più neutral-positivo che decisamente positivo. Su eventuali storni quota 36.000 punti sarà fondamentale per proseguire il percorso in un’ottica di positività mentre eventuali violazioni di tale supporto porterebbero ad approfondimenti dello storno verso 35.640 in prima battuta e 35.000 in un secondo momento, un quadro che al momento – conclude Corradin – appare lungi dall’attuarsi”.