1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Corradin: “I mercati pagano una volatilita’ alta come non si vedeva da tempo”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street si muove incerta nella prima parte della sessione che conclude l’ottava ma è comunque in territorio positivo e questo basta agli indici europei e a Piazza Affari per confermare il rimbalzo iniziato stamattina dopo il nuovo scivolone della vigilia. Quando manca poco meno di un’ora alla chiusura delle contrattazioni nel Vecchio continente l’indice S&P/Mib sale dell’1,57% a 35.862. Il rimbalzo è avvenuto dopo che ieri l’indice ha avvicinato quella che Carlo Corradin, analista tecnico per B&S Joint, ha definito “l’importantissima area di supporto compresa tra 35.000 e 35.200 punti”. La fase in cui si trovano i mercati presenta però un’incertezza elevatissima e “lo scotto da pagare in questo momento è la volatilità tanto che, lo si è potuto vedere, bastano poche sedute per saltare dall’uno all’altro livello”. E i livelli in questione, in questo momento, sono l’area 35.000/200 e i 36.600 punti. “La tenuta della prima area – prosegue Corradin – potrebbe portare a recuperi del mercato la cui impostazione in questa fase rimarrebbe però neutral/ribassista. Oltre i 36.600 punti possibile un test di quota 37.000 e il ritorno all’interno dell’ampia fascia, tra 37.300 e 38.500/900 punti all’interno della quale il mercato si era mosso tra marzo e maggio prima dell’esplosione di volatilità eccezionale alla quale abbiamo assistito”.