Continua la battaglia sugli aiuti al mercato auto statunitense

Inviato da Redazione il Mar, 18/11/2008 - 08:16
Prosegue il dibattito in America sugli aiuti all'industria automobilistica. Il presidente neo-eletto Barack Obama vorrebbe che il Congresso approvasse nel minor tempo possibile un pacchetto di misure ad hoc per il rilancio delle "tre sorelle di Detroit", ovvero General Motors, Ford e Chrysler. Mentre il presidente uscente George W. Bush non è della stessa opinione. Secondo quanto dichiarato dal portavoce Dana Perino, Bush non vuole che gli interventi arrivino dal maxi piano da 700 miliardi di dollari varato per le banche, bensì "dal programma specifico per l'auto" che è di soli 25 miliardi. I fondi agli istituti bancari resteranno bloccati fino al giorno dell'insediamento di Obama alla Casa Bianca. Lo ha comunicato l'attuale segretario al Tesoro Henry Paulson. In Europa, per uscire dalla crisi i primi passi sono stati fatti in Germania dove per sostenere Opel c'è la disponibilità dell'Assia e la possibilità che si muova anche il Governo centrale.
COMMENTA LA NOTIZIA