Conti pubblici: per Padoa-Schioppa la manovra non cambierà

Inviato da Redazione il Ven, 11/08/2006 - 08:12
Duello a Cortina. Nel giorno in cui conferma che è illusorio pensare che l'entità della Finanziaria possa cambiare solo perché c'è stato un aumento delle entrate fiscali, il ministro dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, affronta sul palco di Cortina Incontra il presidente della Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo. E' il loro primo faccia a faccia pubblico. Finisce con grande fair play, ma preannuncia che il cammino del governo di centrosinistra è destinato ad arricchirsi di insidie man mano che si avvicina la manovra d'autunno. Di certo non è la pax sancita a Serravalle Pistoiese, esattamente un mese fa. A cominciare dalla manovra. E' a settembre che si farà il punto, annuncia Padoa-Schioppa: per capire qual è la vera dimensione del maggior fiscale, ma anche per valutare le maggiori spese e l'effetto del rialzo dei tassi d'interesse. Pur tuttavia - avverte il ministro - "la manovra non cambierà in maniera fondamentale. Può darsi - aggiunge - che un pezzo della strada da percorrere possa essere leggermente più breve, meno faticoso. In questo caso saremmo i primi a rallegrarcene. Ma sarebbe illusorio pensare che le maggiori entrate fiscali possano cambiare i termini del problema".
COMMENTA LA NOTIZIA