1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Conti pubblici, a febbraio in calo il fabbisogno dello stato a 7,4 mld

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Secondo quanto reso noto dal Tesoro, nel mese di febbraio 2012 in Italia si è realizzato un fabbisogno del settore statale pari, in via provvisoria, a circa 7,4 miliardi di euro, in leggero calo rispetto allo stesso mese del 2011 in cui si registrò un fabbisogno di 7,9 miliardi.
La nota del ministero precisa inoltre che nel primo bimestre del 2012 si è realizzato complessivamente un fabbisogno di circa 10,7 miliardi, a fronte di un fabbisogno 2011 di 10,3 miliardi. Il comunicato evidenzia poi che il dato di febbraio risente dell’anticipo di pagamenti a favore di imprese, nonché della concentrazione di finanziamenti netti all’Unione Europea. Positiva secondo il Tesoro anche la dinamica favorevole del gettito fiscale.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’ottava si chiude con gli indicatori di fiducia di imprese e consumatori in Italia, oltre che con i dati statunitensi su ordini di beni durevoli, crescita economica e sentiment dei consumatori. Nel dettaglio l’agenda macro:
10:00 medio ITA Fiducia…

MACRO

Regno Unito: Pil 1Q rivisto leggermente al ribasso, sotto le attese

La crescita dell’economia britannica nel primo trimestre 2017 è stata vista lievemente al ribasso nella seconda lettura pubblicata oggi.

La crescita del Pil Uk è stata rivista allo 0,2% su base trimestrale rispetto allo 0,3% della prima lettura. …

MACROECONOMIA

Italia: fatturato in leggero rialzo a marzo, ordinativi in calo

A marzo, nell’industria italiana, si rileva un incremento del fatturato dello 0,5% rispetto al mese precedente, che consolida il più ampio aumento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la crescita, rispetto ai tre mesi precedenti, è dello 0,…

MACROECONOMIA

Spagna: Pil I trimestre confermato a +0,8% t/t e +3% a/a

Il Prodotto interno lordo (Pil) della Spagna ha segnato nel primo trimestre dell’anno un aumento dello 0,8% rispetto al periodo precedente e del 3% su base annua, confermando la stima preliminare e le attese del mercato….