Consumi: benefici Bonus Irpef ridimensionati da mancate detrazioni Tasi (consumatori)

Inviato da Titta Ferraro il Mar, 17/06/2014 - 16:57
Le associazioni dei consumatori condividono l'allarme lanciato oggi da Confesercenti circa il cortocircuito tra prelievo fiscale locale e centrale in Italia che va a frenare la ripresa economica. Solo nel biennio 2012-2013, secondo i dati dell'Osservatorio Nazionale di Federconsumatori, i consumi sono diminuiti del -8,1%. A placare tale tendenza contribuirà quest'anno l'incremento di 80 euro in busta paga che secondo federconsumatori avrà ricadute positive sulla domanda di mercato del +0,4%, meno però rispetto al +0,5% preventivato in precedenza. Minor impatto dovuto alle ripercussioni delle "inesistenti detrazioni sulla TASI e dell'inaccettabile condotta dei comuni che, in tal modo, faranno pagare l'imposta sui servizi indivisibili anche a circa 5 milioni di famiglie che prima non pagavano nulla per l'IMU", rimarca la nota congiunta di Federconsumatori e Adusbef. "Alla luce di tali prospettive appare evidente la necessità di agire con grande determinazione per ampliare la platea dei beneficiari dei bonus, estendendolo anche a pensionati ed incapienti", dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef.
COMMENTA LA NOTIZIA