1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Consulenti finanziari, negli Usa utilizzano i social media per trovare clienti tra i più giovani

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Esattamente la metà dei consulenti finanziari americani utilizza i social media per scopi professionali, secondo quanto emerge da un sondaggio condotto nelle scorse settimane dalla società finanziaria Principal Financial Group, che ha intervistato 614 professionisti circa le loro abitudini di lavoro.

I più propensi ad utilizzare le nuove tecnologie sono i consulenti meni esperti (che hanno un’esperienza professionale inferiore ai 10 anni) che ritengono i social network un modo interessante per raggiungere i cosiddetti Millennials (le persone nate tra gli anni ottanta e i primi anni duemila) benestanti che generalmente sono trascurati dall’industria consulenza finanziaria.

Alla domanda su come e perché si utilizzano i social media in modo professionale, il 25% dei consulenti finanziari ha risposto che vengono utilizzati per comunicare e approfondire le relazioni con i clienti esistenti, mentre il 23% ha dichiarato di utilizzali per trovare nuovi clienti. I professionisti più giovani  e meno esperti sono più propensi a utilizzare i social media soprattutto per trovare nuovi clienti, al 46% contro il 20% dei coetanei più esperti. Naturalmente questo riflette il fatto che i professionisti meno esperti tendono ad essere più giovani e pertanto più a loro agio con l’universo dei social media.

Attualmente il settore consulenza finanziaria Usa sta trascurando la generazione dei Millennials visto che il 64% dei consulenti ha confermato che mira soprattutto alla fascia dei baby boomers (la generazione nata tra il 1945 e il 1964). La fascia di clientela più giovane è diffidente nei confronti dei consulenti finanziari per una serie di motivi, tra cui spiccano le commissioni e le spese (29%), la scarsa considerazione della pianificazione patrimoniale (16%) o perché ritengono di poter fare da soli (10%).