1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Consob, i prodotti complessi per la clientela retail al vaglio della Commissione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Consob ha avviato una consultazione con il mercato finanziario sul tema della distribuzione dei prodotti finanziari complessi presso la cosiddetta clientela al dettaglio (retail). La Commissione sottopone all’esame del mercato l’ipotesi di introdurre una serie di presidi per il rafforzamento della tutela del risparmio, che comprende anche la raccomandazione agli intermediari di astenersi dal collocamento di strumenti finanziari più complessi alla clientela retail.

La proposta si muove inoltre in coerenza con i principi sottesi alla nuova direttiva comunitaria in materia di prestazione dei servizi d’investimento (Mifid2), che dovrà essere recepita nell’ordinamento nazionale entro il 2016. La direttiva attribuirà, tra l’altro, alle autorità nazionali di vigilanza il potere di imporre limitazioni e/o divieti anche sul collocamento dei prodotti finanziari complessi. La consultazione, aperta a tutto il mercato, si chiuderà il 30 giugno.

Più in dettaglio la consultazione sulla quale il mercato è invitato a pronunciarsi propone:

a) che gli intermediari si adeguino alle indicazioni dell’Esma riguardo alle condotte da tenere in fase di progettazione e di commercializzazione di prodotti strutturati e/o complessi, assumendo come criterio prioritario di riferimento la considerazione dei bisogni e delle caratteristiche dei propri clienti;

b) che gli intermediari si astengano dal commercializzare presso la clientela retail alcune tipologie di prodotti connotati dalla più alta complessità e che si impegnino a distribuire i prodotti a complessità comunque elevata solo nell’ambito di servizi di consulenza evoluta.