1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Consob, il piano Cardia non passa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bocciata, almeno per il momento, la riorganizzazione della Consob proposta dal presidente Lamberto Cardia. Ma le trattative proseguono. E’, infatti, in programma oggi l’incontro con i sindacati interni dell’authority (Cgil, Cisl e Uil mentre il Falbi non dovrebbe presentarsi) in cui verrà esposto un documento che respinge i punti cardine della riorganizzazione. Il parere dei sindacati non è vincolante tranne che per la creazione della nuova funzione del vice direttore generale per la quale è necessaria la firma delle organizzazioni sindacali. Su questo punto non vi è una preclusione totale ma il timore della struttura interna è che in futuro la nomina possa essere effettuata pescando dall’esterno e indebolendo le prerogative del direttore generale. “Un tema così delicato imporrebbe delle considerazione sui criteri di nomina dei membri della direzione generale per garantire un ordinato e coordinato funzionamento della Consob – si legge nel documento inviato dai sindacati a Cardia – dovrebbe essere tradotto nella regolamentazione interna Consob il principio che sia il direttore generale sia il vice dg vengano nominati tra i funzionari generali di ruolo interno”. Dubbi anche sull’appalto dell’informatica. La proposta di Cardia è la creazione di una divisione ad hoc da cui dovrebbero dipendere due uffici che dovrebbero ridurre il ricorso all’outsourcing.