1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Consob: Blackrock e AllianceBernstein non comunicheranno più le partecipazioni tra il 2% e il 5% detenute in gestione del risparmio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

BlackRock e AllianceBernstein hanno scelto di avvalersi di una norma presente nel Regolamento Emittenti della Consob che regola l’esenzione relativa alla comunicazione delle partecipazioni tra il 2% e il 5% detenute in gestione del risparmio. Secondo quanto riportato dalla Commissione nella sezione dedicata alle partecipazioni rilevanti delle società quotate, AllianceBernestein e BlackRock hanno comunicato rispettivamente il 13 e il 19 novembre all’authority la volontà di usufruire di tale esenzione entrata in vigore il 6 giugno e pertanto a partire da tale data hanno chiesto che le partecipazioni superiori al 2% e inferiori al 5%, in precedenza dichiarate, non vengano più considerate rilevanti. BlackRock ha deciso di avvalersi dell’esenzione per le quote detenute in Generali, Autogrill, Banco Popolare, Enel, Eni, Fiat Industrial, Fiat, Finmeccanica, Intesa Sanpaolo, Mediaset, Pirelli, Prysmian, Saipem, Telecom Italia, Terna, Unicredit e Ubi Banca. Per Alliance Bernstein l’esenzione riguarda la partecipazione in Telecom Italia.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.