1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Confcommercio su inflazione: prezzi freddi a settembre

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prezzi freddi in settembre secondo la stima preliminare dell’Istat. Il dato relativo all’intera collettività nazionale è rimasto invariato rispetto ad agosto e quindi la variazione tendenziale risulta pari al +2,2, rispetto a settembre 2005, esattamente come nel mese precedente. Questo il commento del Centro Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi. “Per il momento”, riprendono i tecnici, “non si registrano tensioni nei vari capitoli di spesa, tranne che nelle componenti volatili dell’inflazione, cioè settore alimentare ed energetico, che continuano a risentire degli impulsi delle fasi a monte nei segmenti dei petroliferi raffinati, seppur in rallentamento, e soprattutto di energia elettrica, gas e acqua”. Le spinte derivanti dalla produzione – conclude la nota – si sono tradotte in un +0,3% congiunturale al consumo, che vale un +2,5% tendenziale, per alimentari e bevande, essenzialmente nella componente dell’alimentare trasformato, e in un +5,5% tendenziale, cioè rispetto a settembre 2005, per abitazione, acqua, elettricità e combustibili.