1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Con Unicredit-Capitalia, Geronzi verso vertice di Mediobanca

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“La quadratura del cerchio”. Così viene definita dagli ambienti finanziari l’accelerazione sulle nozze tra Unicredit e Capitalia e la conseguente nomina di Cesare Geronzi ai vertici di Mediobanca. Era ormai qualche mese che alcune istituzioni importanti, tra cui Bankitalia, spingevano affinché Capitalia non finisse in mani straniere, e il candidato ideale era proprio l’Unicredit di Alessandro Profumo. A premere per questa soluzione c’era anche la politica con Massimo D’Alema da sempre in buoni rapporti sia con Profumo sia con Geronzi. Ma il numero uno di Unicredit aveva deciso di esplorare in primo lougo l’alternativa estera puntando su SocGen con l’intendo di creare un gruppo leader in Europa. Ma Profumo si è dovuto scontrare con la caparbietà del numero uno di SocGen, Daniel Bouton, che sembra abbia chiesto deleghe importanti nella gestione del nuovo gruppo oltre alla sede a Parigi. Dall’altro lato Geronzi ha capito che le mosse sull’olandese Abn Amro, primo azionista di via Minghetti, avrebbero significato prima o poi la consegna di Capitalia agli stranieri. La strada Unicredit invece consente di mantenere l’italianità ma soprattutto raddoppiare il peso in piazzetta Cuccia con Geronzi primo candidato per la poltrona di presidente di Mediobanca.