1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Comparto telefonico: Credit Suisse conferma view “market weight”. Attesa per i risultati di Vodafone.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La stagione delle trimestrali si intensifica anche in Europa. Tra gli investitori cresce l’attesa per i numeri del comparto telefonico. Giovedì scorso ad aprire le danze ci ha pensato Nokia, che ha diffuso una trimestrale contrastata e un outlook 2011 ancora debole.
Proprio le indicazioni sul trimestre e le previsioni per l’anno in corso hanno spinto questa mattina gli analisti di Standard & Poor’s a mettere sotto osservazione i rating “A” sul lungo termine e “A-1” nel breve termine del colosso finlandese della telefonia mobile con implicazioni negative. “Il portafoglio smartphone di Nokia ha perso significative quote di mercato – si legge nel report – e la compagnia ha annunciato una guidance sui margini relativa al primo trimestre 2011 debole rispetto alle nostre stime”. “La nostra decisione potrebbe arrivare entro 3 settimane – affermano da Standard & Poor’s – dopo avere discusso con i vertici di Nokia le nuove strategie della società”.

Questa settimana sarà la volta di Vodafone comunicare i risultati finanziari. La crescita dei ricavi nel terzo trimestre sarà in linea con quelli del trimestre precedente. Ne sono convinti gli analisti di Ubs, che confermano la raccomandazione “neutral” sul gruppo tlc britannico e alzano il prezzo obiettivo da 160 a 170 pence. Guardando ai singoli mercati, secondo il broker elvetico, la Gran Bretagna e la Germania continueranno a riportate dei risultati positivi. Debole invece la Spagna e l’Italia.

In attesa delle altre trimestrali, gli analisti di Credit Suisse mantengono una view “market weight” sul settore telefonico europeo. “Ci attendiamo che la crescita della telefonia mobile peggiori leggermente nel quarto trimestre e che la fibra ottica continui a guadagnare quote di mercato rispetto alla linea fissa”, sottolineano gli esperti della banca elvetica. Credit Suisse sostiene che Vodafone mostrerà un ulteriore miglioramento, mentre BT riporterà un progresso sul fronte margini in scia alla riduzione dei costi. Attese meno positive per Telefonica che, secondo le previsioni degli esperti di Credit Suisse, mostrerà una più marcata erosione dei ricavi in Spagna, solo in parte bilanciata dall’America Latina. Per France Telecom il broker si attende invece performance stabili nel quarto trimestre fuori dalla Polonia.