Il comparto oil festeggia i conti trimestrali migliori delle attese

Inviato da Luca Fiore il Gio, 28/10/2010 - 19:37
I conti trimestrali sulle due sponde dell'Atlantico oggi hanno evidenziato l'ottima salute di cui godono i big del comparto oil, i cui risultati sono stati spinti al rialzo dall'incremento delle quotazioni e dei livelli produttivi. Inoltre oggi i titoli del comparto si sono mossi in scia delle quotazioni del greggio, che, causa la debolezza del dollaro (1,3940 contro euro), sta guadagnando 50 centesimi il barile a 83,74 dollari.

A New York in questo momento Exxon Mobil si porta a casa 1 punto percentuale salendo a 66,3 dollari. La compagnia texana oggi ha annunciato che nel terzo trimestre l´utile ha messo a segno un +55% portandosi a 7,35 mld di dollari, dai 4,73 mld di un anno fa. L'utile per azione a 1,44 dollari ha battuto le attese di 6 centesimi. In crescita anche i ricavi, che da 82,3 si portano a 95,3 mld di dollari.

-1,2% invece di ConocoPhillips, che ieri ha annunciato di aver raddoppiato i profitti a 3,1 mld di dollari, o 2,05$ per azione, dagli 1,5 mld, 97c, di un anno fa. Il dato adjusted è passato da 0,95 a 1,5 $. Gli analisti avevano pronosticato un eps di 1,45$.

Nel vecchio continente Royal Dutch Shell ha guadagnato mezzo punto percentuale salendo a 1.987p. La società olandese-britannica nel terzo trimestre ha messo a segno un utile netto di 3,46 mld di dollari, +7% rispetto ai 3,25 mld di un anno fa. +21% per il fatturato, salito a 90,71 mld di dollari.

A Piazza Affari Eni ha registrato una delle migliori performance del paniere principale con un +2,8% a 16,150 euro. La compagnia petrolifera di San Donato ha annunciato di aver chiuso il terzo trimestre 2010 con un utile netto pari a 1,72 miliardi (+39%), oltre le stime di 1,33 miliardi. L'utile netto adjusted nel trimestre si è attestato a 1,70 miliardi, in crescita del 47,5%, sopra il consensus Reuters di 1,3 miliardi di euro. "Per il 2010 mi aspetto un significativo miglioramento degli utili", ha anticipato l'ad di Eni, Paolo Scaroni, di fronte ai risultati trimestrali "eccellenti in un contesto del mercato del gas ancora difficile".
COMMENTA LA NOTIZIA