Comparto auto penalizzato dal sentiment generale e dai dati sulle immatricolazioni

Inviato da Luca Fiore il Lun, 04/10/2010 - 19:26
Dopo i segnali positivi arrivati dalle vendite negli Stati Uniti, oggi il comparto auto è stato il più penalizzato in Europa, con lo stoxx di riferimento che ha messo a segno un calo del 2,8% portandosi a 271,5 punti.

Da un lato i timori per l'andamento della ripresa, dall'altro le indicazioni deludenti giunte dai dati sulle immatricolazioni in Italia e Germania a settembre. Per quanto riguarda il nostro Paese, venerdì il Ministero dei Trasporti ha annunciato che il mese scorso sono state immatricolate 154.429 auto, con un calo del 18,9% su base annua.

Oggi invece a deludere ci ha pensato il -17,8% annunciato in Germania, che nonostante sia inferiore al -27% precedente, evidenzia le difficoltà del settore, alle prese con l'incertezza dei consumatori e con la fine in diversi casi delle politiche di sostegno del settore.

Il Gruppo Fiat, -2,58% a Piazza Affari, in entrambi i casi ha fatto peggio del mercato. Sul mercato italiano ha messo a segno una contrazione del 26,32%, con la quota di mercato scesa al 28,59%, dal 30,65% di agosto e dal 31,48% di un anno fa. In Germania è andata decisamente peggio. Le immatricolazioni hanno registrato un -45,7% annuo e la market share è passata dal 3,8% al 2,5%.

Sul listino tedesco Daimler ha perso il 3,8% e Volkswagen ha lasciato sul campo il 3,11%. Male anche le francesi Pegeuot, -3,7%, e Renault, -3,53%.
COMMENTA LA NOTIZIA