1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Commodity: UniCredit, prezzi penalizzati dal rafforzamento del dollaro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dietro il recente calo dei prezzi delle materie prime c’è il rafforzamento del biglietto verde. È quanto rilevano gli analisti di UniCredit nel Commodity Market Update. Il report evidenzia che nonostante le indicazioni migliori delle attese arrivate dal mercato del lavoro statunitense, i metalli preziosi e quelli industriali sono stati penalizzati dalla “rinnovata forza del biglietto verde, che ha favorito le vendite da parte degli speculatori”. “La cautela degli investitori è inoltre attribuibile alle elezioni statunitensi e al nuovo assetto di potere in Cina”.

Tra i preziosi, “il prezzo dell’oro venerdì scorso ha perso più di 30 dollari per oncia e il nuovo supporto è in quota 1.680 dollari”. Un ulteriore calo potrebbe portare i prezzi “in direzione della trend-line di consolidamento in quota 1.610”. “Un sostegno arriva dagli acquisti da parte dei fondi Etf”. UniCredit Research nel quarto trimestre 2012 e nei primi tre mesi del 2013 stima l’oro a 1.800 dollari mentre il prezzo medio 2013 è pronosticato a 1.900 dollari.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RECUPERO DEL POUND

Forex: deboli dati non deprimono la sterlina

Recupero per la sterlina sul forex con cross gbp/usd tornato sopra quota 1,42 dopo la debolezza della vigilia a seguito dell’inflazione più debole del previsto a marzo (+2,5% annuo, sui …

INFLAZIONE UK AI MINIMI A UN ANNO

Forex: sterlina affonda dopo debole inflazione UK

La battuta d’arresto per l’inflazione britannica si fa sentire sulla sterlina che si muove in forte ribasso contro le altre principali valute. Il cross tra sterlina e dollaro è sceso …