1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Commodity: segno meno per le scommesse nette lunghe, profondo rosso per zucchero e grano

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Segno meno per le posizioni nette lunghe sulle materie prime. La Commodity Futures Trading Commission ha annunciato che nella settimana all’11 dicembre le posizioni nette lunghe sulle materie prime hanno registrato un calo dell’11% a 802.817 contratti.

In particolare evidenza il dato relativo lo zucchero (sceso la scorsa settimana ai minimi da due anni e mezzo), arretrato del 68%, e quello sul grano, che ha messo a segno un -67%. Segno meno anche per il dato relativo il greggio, sceso del 21% a 101.871 contratti, mentre le posizioni nette rialziste sull’oro sono cresciute del 3% a 129.865.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…

COMMODITY

Petrolio: miglior settimana da inizio anno in attesa dell’Opec

Alla terza seduta consecutiva con il segno più, il Brent porta il saldo settimanale al +5,55%, il dato maggiore da inizio anno. Nuovo segno più all’ICE per il future con consegna luglio sul greggio, in aumento del 2,15% a 53,64 dollari il barile.

MERCATO VALUTARIO

Forex: dollaro scivola ancora, eur/usd a un soffio da 1,12

Nuovi minimi a oltre 6 mesi per il dollaro. Si conferma anche oggi la debolezza del biglietto verde con il cross euro/dollaro spintosi a ridosso di 1,12 (1,1197) nel pomeriggio. Un’accelerazione al ribasso per il dollaro è arrivata dopo le dichiarazi…