1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Commodity: parità per il granoturco e segno meno per il grano dopo il report dell’Usda

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Parità per le quotazioni del granoturco che al Chicago Board of Trade quota 7,4 dollari per bushel. Poco fa nel Wasde (World Agricultural Supply and Demand Estimates), il report relativo la domanda e l’offerta delle principali colture agricole, il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense ha alzato di 0,7 milioni a 839,7 milioni di tonnellate la stima sul raccolto 2012/13 che, nonostante la contrazione rispetto alle 880,5 tonnellate della stagione precedente, metterà a segno il secondo maggior raccolto di sempre. Il raccolto statunitense è stimato a 10,725 miliardi di bushel, nella parte alta del range 10,43-10,88 atteso dagli analisti. In linea con le stime il rendimento, visto a 122,3 bushel per acro. Il prezzo medio è atteso nel range 6,95-8,25 dollari.

Segno meno invece per il grano, in calo dell’1,3% a 8,91 dollari. Dopo aver capitalizzato nelle ultime sedute l’attesa per il calo delle scorte finali, pronosticate dagli analisti a 171 milioni di tonnellate, il grano paga pegno al dato diffuso dall’Usda, pari a 174,18 milioni. Su questa commodity la view sul prezzo 2012/2013 del Dipartimento dell’Agricoltura è stata ridotta di 10 centesimi a 7,75-8,45 dollari.