1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Commodity: JPM, scorte e importazioni cinesi di metalli allontanano l’ipotesi di un hard landing

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Né l’alto livello delle scorte di metalli, né le forti importazioni indicano che la Cina potrebbe andare incontro ad un brusco rallentamento dell’economia”. È quanto si legge nel report “Flows & Liquidity” pubblicato venerdì scorso da JP Morgan. La banca statunitense da un lato rileva come le serie storiche evidenzino che il recente incremento registrato dalle importazioni di metalli sia solo in parte legato alle festività del capodanno cinese, e dall’altro indica che l’alto livello delle scorte, quelle di rame alla fine del primo trimestre hanno toccato un nuovo record, potrebbe indirettamente confermare che la seconda economia mondiale gode di buona salute.
Nonostante la crescita degli stock, il recente incremento delle importazioni potrebbe essere dovuto al restringimento dell’attività creditizia che avrebbe indotto le compagnie cinesi ad importare rame da utilizzare come collaterale per ottenere fondi freschi. “Anche se le importazioni fossero state utilizzate solo per bypassare i limiti all’espansione creditizia, la forte richiesta di crediti è incompatibile con un netto rallentamento della crescita economica”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RECUPERO DEL POUND

Forex: deboli dati non deprimono la sterlina

Recupero per la sterlina sul forex con cross gbp/usd tornato sopra quota 1,42 dopo la debolezza della vigilia a seguito dell’inflazione più debole del previsto a marzo (+2,5% annuo, sui …

INFLAZIONE UK AI MINIMI A UN ANNO

Forex: sterlina affonda dopo debole inflazione UK

La battuta d’arresto per l’inflazione britannica si fa sentire sulla sterlina che si muove in forte ribasso contro le altre principali valute. Il cross tra sterlina e dollaro è sceso …