1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Commodity: elezioni Usa potrebbero spingere l’oro fino a 1.500 dollari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta di consolidamento per le quotazioni dell’oro che al momento al Comex passa di mano a 1.274,2 dollari, lo 0,2 per cento in meno rispetto al dato precedente.

Salito di quasi 20 punti percentuali da inizio anno, il metallo giallo negli ultimi tre mesi ha perso il 6,2% in vista del prossimo rialzo del costo del denaro da parte della Federal Reserve (che, con tutta probabilità, sarà varato nel meeting di dicembre).

Una spinta rialzista potrebbe arrivare dalle elezioni statunitensi. Secondo quanto dichiarato da Ron William di RW Market Advisory nel corso dello Squawk Box della CNBC, la consultazione per scegliere il prossimo inquilino della Casa Bianca potrebbe spingere il bene rifugio per eccellenza fino a 1.500 dollari l’oncia, circa 18 punti percentuali in più rispetto ai prezzi attuali.