Commissione Ue alza stime di crescita, Citi scommette sull'euro

Inviato da Luca Fiore il Mar, 25/02/2014 - 17:17
Euro in rafforzamento dopo l'incremento delle stime di crescita. Secondo la Commissione europea nel 2014 e nel 2015 il Pil del vecchio continente metterà rispettivamente a segno un +1,2% e un +1,8%, 10 punti base in più rispetto alla view diffusa a novembre. Tasso di disoccupazione scenderà al 12% nell'anno corrente e all'11,7% nel 2015 mentre il tasso di inflazione dopo il +1% del 2014 l'anno prossimo si porterà all'1,3% (in qualunque caso abbondantemente al di sotto del target del 2% stimato dalla banca centrale).

L'euro ha guadagnato terreno in scia della diffusione dei dati ma la risalita si è arrestata a 1,3766 dollari e a 140,96 yen e attualmente i due cross passano rispettivamente di mano a 1,3735 e a 140,31.

Secondo gli analisti di Citibank ci sono quattro ragioni che nel corso della settimana potrebbero spingere la moneta unica. Primo, i dati sull'inflazione potrebbero risultare maggiori delle attese (attualmente fissate allo 0,7%) e "l'euro potrebbe capitalizzare le minori probabilità di nuovo taglio del costo del denaro in Europa".

Secondo, l'euro potrebbe essere sostenuto dal voto di fiducia all'esecutivo Renzi o, terzo motivo, potrebbe capitalizzare la promozione del merito di credito spagnolo. Quarta e ultima ragione che secondo Citibank potrebbe spingere la divisa di Eurolandia è rappresentato dall'eventuale prova che "il credit crunch in Europa sta iniziando a diminuire".
COMMENTA LA NOTIZIA