Classificazione energetica, solo la Lombardia sanziona chi non rispetta l'obbligo

Inviato da Redazione il Ven, 24/02/2012 - 14:46
Classe A, classe B, classe C: che prestazione energetica hanno gli immobili italiani? Non è ancora possibile farsene un'idea chiara, perché nel primo mese del 2012, nonostante l'entrata in vigore dell'obbligo di certificazione, solo il 12,7% degli immobili in vendita o in locazione ha comunicato la propria condizione energetica. La regione più attiva in questo senso è la Lombardia, l'unica ad aver attivato sanzioni - multe fino a 5mila euro - per chi disattende l'obbligo.
Lo rileva il portale Immobiliare.it, dopo un'analisi su 700 mila annunci presenti sul sito. L'indagine evidenzia le differenze tra nord e sud Italia. Nel Nord Est, ad esempio, nel primo mese dell'anno la percentuale di annunci con certificazione energetica è salita al 18,9%, mentre a Nord Ovest è al 15,6%; al Centro Italia siamo all'8,8% e al Sud al 3,8%. Tra le province, quelle con i livelli più elevati di certificazione sono Bolzano (oltre un annuncio su quattro, il 25,6%) e Trento (22,0%), seguite a distanza da Milano (11,3%) e Torino (10,2%). Roma è ferma al 5,2%, mentre il fanalino di coda dell'indagine è Palermo, che arriva allo 0,9%.
Se nei mesi scorsi gli annunci dotati di certificazione energetica erano prevalentemente di immobili nuovi, oggi, sul totale l'80,4% è usato. Il 24% di questi appartiene alla classe C, segno di una qualità media comunque buona, ma una percentuale identica si trova nella classe peggiore; in questa categoria ritroviamo gli immobili più vecchi, che anche con importanti (e costosi) interventi di ristrutturazione non potrebbero comunque arrivare in classe A.
In merito all'incidenza della classificazione energetica sul costo dell'immobile va detto che è piuttosto difficile isolare questo solo aspetto rispetto alle generali condizioni dell'immobile; ad ogni modo, immobili simili ma con classi differenti possono subire un'oscillazione di prezzo di vendita che può arrivare anche al 30% a seconda che siano in classe A o G.
COMMENTA LA NOTIZIA