Cirio: il fondo Equinox scende in campo per le attivita’ italiane

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ad una manciata di giorni dalla scelta, tra i pretendenti alle attività italiane di Cirio Finanziaria (Cirio-De Rica) spunta un nome importante nel settore del private equity. Oltre a Divella, Conserve Italia, La Doria ed un gruppo cinese che qualcuno ha individuato in Chalkies Tomato, quotata alla Borsa di Shangai (la Cina è tra i maggiori produttori di pomodoro al mondo), secondo quanto risulta a Spystocks.com, ha presentato un’offerta anche il fondo Equinox, guidato da Salvatore Mancuso e proprietario, tra gli altri, di del 49% di Fisia Italimpianti e del 55% di Church’s. Il manager siciliano, che negli anni 80 è stato a capo dei cantieri navali Rodriquez recentemente passati sotto il controllo di Roberto Colaninno, avrebbe fatto un’offerta per tutte le attività italiane di Cirio-De Rica e per la controllata portoghese di Cirio Finanziaria Sopragol, attiva nello stesso settore della prima. Equinox sarebbe disposta, allo stato attuale delle cose, a sborsare non più di 90-100 milioni di euro per tutte le attività, ma la cifra potrebbe variare a seconda di ulteriori considerazioni sul valore economico della società. Una cifra che appare ben più bassa dei 200 milioni di euro ipotizzati anche dai commissari straordinari Resca, Zimatore e Farenga. Il prezzo più basso avrebbe però una spiegazione. Equinox, che ha nel suo portafoglio soprattutto società italiane a vocazione internazionale, non vedrebbe di buon occhio la forte connotazione nazionale dei marchi Cirio e De Rica, brand che non avrebbero bisogno di consistenti investimenti per trovare spazio sui mercati internazionali dai quali sono al momento pressoché assenti. Per i due marchi, che hanno perso quote di mercato dopo la crisi, sarebbe in cantiere anche un’operazione di maquillage per svecchiarli.
Il fondo Equinox è espressione di alcuni istituti bancari e assicurativi come Intesa, Bpu, Ras, e di alcuni gruppi industriali come Pirelli & C, De Agostini, Hopa, Dompé farmaceutici e, in nome proprio Diego Della Valle, Romain Zaleski, Leonardo Del Vecchio e Alberto Bombassei.