Cipro spedisce l'eurodollaro ai minimi da quasi 4 mesi

Inviato da Luca Fiore il Mar, 19/03/2013 - 18:12
Cipro continua a penalizzare la moneta unica. Nonostante il balzo dell'indice tedesco Zew al livello massimo dall'aprile 2010 e le indicazioni positive arrivate dall'asta di titoli a breve indetta dal Tesoro spagnolo, l'eurodollaro poco fa si è riportato a livelli che non si vedevano dal novembre 2012 a 1,2856.

"Il cambio eurodollaro ha messo a segno nuovi minimi relativi, a livelli che non si vedevano da novembre, e ha rotto l'1,2875 per quello che ora rappresenta un test importante sul transito della media mobile semplice a 200 periodi sul grafico giornaliero a 1,2870 che, se superato, potrebbe condurre al primo target in area 1,28", rileva Davide Marone, Financial Analyst di Fxcm.

Con il parlamento cipriota che sta per esprimersi sul prelievo forzoso da 5,8 miliardi dai conti correnti dell'isola (pari, secondo i dati della Banca dei regolamenti internazionali, all'esposizione delle banche tedesche nei confronti della piccola isola del Mediterraneo), le indiscrezioni in arrivo da Nicosia non lasciano spazio all'ottimismo.

Secondo i rumor il Ministro delle Finanze avrebbe presentato le dimissioni e il partito di maggioranza sarebbe orientato verso l'astensione. In caso di mancata approvazione più che l'uscita da parte di Cipro dalla moneta unica gli operatori temono la creazione di un pericoloso precedente.
COMMENTA LA NOTIZIA