1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cipro: Codacons esorta Ue a cambiare politica o sarà effetto contagio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Come dimostra la vicenda di Cipro, impiccarsi al totem del risanamento dei conti anche a costo di ridurre sul lastrico i ceti medio-bassi significa creare effetti devastanti sulla crescita, dato che oltre alla diminuzione della spesa pubblica e degli investimenti finiscono per precipitare anche i consumi. Una politica suicida”. Ne è convinto il Codacons. Imporre a Cipro “come hanno fatto i ministri della zona euro, di tassare del 6,7% tutti i depositi, anche quelli delle famiglie ridotte sul lastrico, senza che ci sia alcuna esenzione, ad esempio per chi ha meno di 20.000 euro sul conto corrente, significa voler affamare un popolo. Con politiche di questo tipo è evidente il rischio di un contagio e che l’Europa finisca nuovamente sotto attacco facendo nuovamente innalzare gli spread rispetto ai paesi più virtuosi come la Germania”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ACCORDO

Cerved: estesa la partnership industriale con BHW Bausparkasse

BHW Bausparkasse AG, succursale Italiana dell’omonimo gruppo bancario tedesco (parte del Gruppo Deutsche Postbank) e Cerved Credit Management Group, controllata indiretta di Cerved Information Solutions, hanno finalizzato un accordo per estendere la …

IPO

Carrefour prepara quotazione delle sue attività in Brasile

La catena di supermercati francese Carrefour ha depositato il prospetto preliminare in vista dell’introduzione in Borsa della sua controllata brasiliana Atacadão SA (Grupo Carrefour Brasil) in una operazione che gli permetterà di raccogliere tra i 4,…

MATERIE PRIME

Usa: scorte petrolio tornano a salire a sorpresa, +0,118 mln di barili

In crescita, seppur lieve, le scorte di petrolio statunitensi. Nell’ultima settimana le scorte di greggio si sono attestate a quota 509,213 milioni di barili, in rialzo di 0,118 mln rispetto al dato precedente. Il consensus era invece per un nuovo ca…

BRUXELLES

Russia: UE proroga di sei mesi sanzioni economiche

L’Unione europea ha deciso di prorogare di sei mesi le sanzioni economiche riguardanti settori specifici dell’economia russa fino al 31 gennaio 2018. La decisione arriva dopo l’aggiornamento del presidente francese, Emmanuel Macron, e della cancellie…