1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

I cinesi bussano in casa Fca: Great Wall Motor vuole il marchio Jeep

Fca nel mirino dei cinesi. Great Wall Motor esce allo scoperto e vuole trattare con Marchionne l’acquisto del marchio Jeep. Il titolo Fca scatta ancora in Borsa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo le smentite di settimana scorsa, è Great Wall Motor a uscire allo scoperto manifestando apertamente l’interesse per uno dei gioielli di casa Fiat Chrysler. Il gruppo automobilistico cinese ha confermato ad Automotive News l’interesse per l’acquisto del marchio Jeep. Nessun dettaglio al momento è disponibile circa la possibile entità dell’offerta. Da Fca al momento nessun commento in merito.

 

L’uscita allo scoperto di Great Wall Motor ha fatto scattare in Borsa il titolo Fca che segna un progresso di oltre il 3,4% a 11,07 euro. Già settimana scorsa il titolo era stato al centro dei riflettori in Borsa con un balzo dell’8% il 14 agosto proprio sull’emerge di un possibile interesse di gruppi cinesi per rilevare il controllo dell’intero gruppo Fca.

Il presidente di Great Wall Motor, Wang Fengying, la settima donna più potente in Asia, ha scritto a Automotive News che Great Wall intende acquistare Jeep e sta entrando con Fca per per iniziare i negoziati. L’obiettivo strategico di Great Wall Motor è diventare il più grande produttore al mondo di SUV e l’acquisizione del marchio Jeep permetterebbe di raggiungere l’obiettivo in tempi più rapidi.

FCA produce Jeep in Cina con il partner locale Guangzhou Automobile Group Co., che ha detto che non ha intenzione attualmente di avvicinare FCA per l’acquisto del marchio Jeep.

Quanto vale Jeep?

Jeep è indiscutibilmente il marchio più prezioso di FCA e il suo valore secondo gli analisti potrebbe essere di per sé superiore a quello dell’intero gruppo. Secondo gli analisti di Morgan Stanleyil valore di Jeep è di 17,20 dollari per azione mentre quello di FCA, incluso Jeep, e circa 16,40 dollari per azione.

L’interesse dei cinesi potrebbe innescare una battaglia per il controllo di Jeep con in prima fila General Motors e l’indiana Mahindra.