1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cina verso rialzo tassi nel secondo trimestre ed emissione bond a tre anni

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Cina potrebbe alzare i tassi di interesse nel trimestre in corso e la crescita economica dovrebbe raggiungere quest’anno il 9,5%. La notizia arriva direttamente da un consigliere della Banca centrale, Li Dakoui, intervistato oggi dal China Securities Journal. Li, uno dei tre consiglieri della Banca del Popolo cinese, ha sottolineato che la crescita economica potrebbe superare l’11% nel primo trimestre per poi rallentare nella seconda parte dell’anno. Il gigante asiatico potrebbe quindi alzare i tassi d’interesse se l’inflazione superasse il 3% in alcuni mesi e la mossa non sarà messa in relazione con le decisioni sui tassi che verranno adottate dagli Stati Uniti. Li ha poi affermato che una rapida crescita dei prestiti è la principale causa di surriscaldamento dell’economia.


Nel frattempo, il Paese della Muraglia è impegnato a drenare liquidità e domani dovrebbe mettere sul mercato titoli governativi a tre anni per la prima volta dal giugno 2008. L’indiscrezione è stata riferita dall’agenzia Bloomberg che cita operatori di tre delle maggiori banche cinesi, secondo cui la Banca Centrale ha chiesto agli istituti di credito di fornire sull’eventuale adesione all’asta e sull’entità della domanda. Sempre stando alle indiscrezioni, il rendimento offerto si aggirerebbe tra il 2,7 e il 2,8% contro l’1,9264% dei titoli a un anno.

Secondo gli analisti, l’emissione di titoli con rendimenti più elevati potrebbe precedere una politica di stretta monetaria, la prima da oltre due anni, e consentire in questo modo un rafforzamento dello yuan. La Cina, al pari di altri Paesi asiatici che stanno trainando la ripresa, sta ritirando le misure di stimolo per contrastare il surriscaldamento dell’economia e il rischio di bolle speculative. “La Banca centrale della Cina può drenare liquidità tramite l’emissione di titoli se il tasso di interesse più alto o un apprezzamento della moneta attrae più denaro – spiega a Bloomberg l’analista di Guotai Junan Securities, Jiang Chao -. Questo significa preparare il terreno a un rialzo dei tassi di interesse o ad una rivalutazione della moneta”.