1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

La Cina rallenta e l’aussie scende ai minimi da quasi tre anni

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’aussie scende sotto quota 0,9 per la prima volta dal settembre del 2010. Minimi da quasi tre anni per il cambio tra la divisa australiana e il biglietto verde che poco fa si è portato a livelli che non si vedevano dal settembre del 2010 sotto quota 0,9 (0,89961). Negli ultimi tre mesi il cross è sceso di quasi il 14% mentre il saldo da inizio anno evidenzia un rosso del 12,8%.

Dopo le vendite innescate dall’annuncio del tapering, il piano di riduzione degli acquisti di asset della Banca centrale statunitense, l’economia cinese torna a spingere al ribasso l’aussie. Il Ministro delle Finanze, Lou Jiwei (il Dragone rappresenta il primo partner commerciale del Paese), ha detto di attendersi un rallentamento della crescita nella seconda metà dell’anno rispetto al +7,7% registrato nei primi sei mesi.

Secondo i dati diffusi da Bloomberg relativi gli swap, la Reserve Bank of Australia nella riunione in calendario a settembre al 75% taglierà il costo del denaro di 25 punti base al 2,5%.

A favore di un taglio del costo del denaro ci sono anche i dati in arrivo dal mercato del lavoro che a giugno ha visto il tasso di disoccupazione salire inaspettatamente al 5,7%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.