La Cina protesta per le isole Senkaku, aziende nipponiche chiudono le serrande

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In occasione dell’anniversario dell’invasione giapponese della Manciuria, si rinfocolano le proteste dei cittadini cinesi contro il Giappone a causa della contesa che si protrae da anni sulle isole Senkaku. Le violente manifestazioni nelle città di Shanghai, Chengdu e Shenzen, benchè controllate a vista dalle forze dell’ordine cinesi, hanno indotto varie aziende nipponiche a chiudere i battenti nelle loro sedi locali per evitare di diventare bersaglio dei facinorosi. Tra le aziende che hanno deciso di chiudere le serrande nella giornata di oggi, Canon, Toyota e Honda. Nissan ha sospeso la produzione in due impianti della Cina meridionale, mentre Mitsui Electric, fornitore di Nintendo, ha sospeso le operazioni di produzione a causa dei danni riportati a seguito delle proteste. Le isole Senkaku si trovano nella parte orientale del Mar della Cina, e sono controllate dal Giappone (che la scorsa settimana ne ha acquistate tre dal privato cittadino che ne era proprietario). Da tempo però sono contese tanto dalla Cina quanto dal Taiwan. Nei mesi estivi la protesta cinese contro la presunta usurpazione del territorio da parte del governo nipponico si è andata sempre più riscaldando, fino a giungere alle proteste di questi giorni.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…