1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Cina: inflazione sale ai massimi a quasi 3 anni, pressioni per nuova stretta monetaria

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non si placa l’ascesa dell’inflazione cinese che a maggio si è portata sui massimi a quasi 3 anni. L’indice dei prezzi al consumo si è attestato al 5,5% dal 5,3% del mese precedente complice soprattutto l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari (+11,7% a/a spinta soprattutto dal balzo del prezzo della carne di maiale e delle verdure).  Il dato impatta con le attese del mercato e porta l’inflazione ai livelli più alti dal luglio 2008 comportando nuove pressioni per un ulteriore stretta sui tassi. Da settembre 2010 a oggi la banca centrale cinese ha apportato quattro rialzi dei tassi,  innalzando le riserve obbligatorie delle banche, proprio per frenare le pressioni inflattive.


Quest’anno l’inflazione cinese si è sempre mantenuta sopra il target del 4% indicato dal governo di Pechino. Non mancavano i timori di un balzo più marcato dell’inflazione con Zhang Zhuoyuan, economista dell’Accademia di Studi Sociali, che si era spinto a una previsione di un balzo oltre il 6%. Secondo Xu Nuojin, vice governatore della divisione del Guangzhou della Banca centrale, l’inflazione cinese è alimentata dagli acquisti di valuta estera destinati ad evitare un eccessivo apprezzamento dello yuan. La valuta cinese quest’anno si è apprezzata dell’1,6% rispetto al dollaro Usa.


 

Sempre oggi l’ufficio nazionale di statistica cinese ha diffuso i dati su produzione industriale e vendite al dettaglio. Il ritmo di crescita della prima è sceso meno delle attese con la politica monetaria restrittiva messa in atto da Pechino che sta frenando solo parzialmente l’attività economica. La produzione industriale cinese a maggio ha evidenziato un progresso annuo del 13,3% dal +13,4% del mese precedente. Il consensus era per una frenata più marcata a +13,1%.  Infine progresso annuo del 16,9 per cento delle vendite al dettaglio. Il dato di maggio si confronta con il +17,1% del mese precedente (il consensus era +17%).


Il mercato comunque ha reagito bene all’infornata di dati cinesi arrivata oggi con intonazioni positive per i listini asiatici  che hanno letto con favore soprattutto il dato oltre le attese della produzione industriale. Lo Shanghai Composite risulta in rialzo di oltre 1 punto percentuale rimbalzando dai minimi a 4 mesi.


Indicazioni positive anche dal Giappone che mostra segnali di ripresa più robusta dell’attività industriale. Oggi è infatti arrivata la rilettura al rialzo della produzione industriale di aprile. La crescita mensile risulta dell’1,6% rispetto al +1% della prima lettura. A livello tendenziale la produzione industriale risulta in calo del 13,6% dal -14% della prima lettura. Sempre oggi la Bank of Japan ha lasciato i tassi di interesse invariati nel range 0-0,1%. Il meeting odierno della banca centrale nipponica ha deciso di lasciare inalterata anche l’entità del piano di stimoli da 30 mila miliardi di yen e di quello di acquisto di asset per 10 mila miliardi di yen.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Eurozona: produzione edile in rialzo dello 0,2% a giugno

La produzione nel settore delle costruzioni all’interno dell’Eurozona ha mostrato a giugno un aumento dello 0,2% rispetto al mese prima, secondo la rilevazione dell’Eurostat. A maggio la produzione edile era …

I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede prima dell’avvio degli scambi in Europa l’aggiornamento sui prezzi alla produzione in Germania. Nel corso della mattina verrò diffusa la produzione edile nell’Eurozona. Nel dettaglio: …

CONTI PUBBLICI

Entrate tributarie salgono dello 0,9% a giugno

Le entrate tributarie in Italia, stando ai dati Bankitalia, risultano pari a 31,9 miliardi a giugno, in aumento dello 0,9% rispetto allo stesso mese del 2017. Nei primi sei mesi …

PREZZI AL CONSUMO SOPRA TARGET BCE

Eurozona: Eurostat conferma accelerazione inflazione a +2,1%

L’inflazione annuale della zona euro a luglio sale al 2,1% dal 2% di giugno. Lo comunica Eurostat confermando quanto indicato nella stima preliminare diffusa a fine luglio. Lo scorso anno …