1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cina cresce al ritmo più basso dal 2009, ma Pil terzo trimestre tiene meglio del previsto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Rallenta ancora la crescita cinese che nel terzo trimestre dell’anno si attesta al ritmo più basso da inizio 2009. Il Pil ha segnato nel trimestre tra luglio e settembre un progresso annuo del 6,9% rispetto al 7% precedente. Battute comunque le attese di consensus Bloomberg che erano per un rallentamento più marcato a 6,8%. L’incremento su base trimestrale è risultato pari all’1,8%, in linea con il dato precedente (rivisto da +1,7%) e con le previsioni del mercato. 

Target crescita 7% ancora a portata di mano
Dissipati in parte i timori di un rallentamento marcato dell’economia nella seconda metà dell’anno a seguito delle forti turbolenze estive sul mercato cinese e i deboli dati sul fronte dell’attività manifatturiera. Il target di crescita del 7% per l’intero 2015 indicato dal governo appare quindi ancora a portata di mano considerando i possibili effetti positivi sulla crescita delle ulteriori misure di stimolo fiscale e monetario messe in atto da Pechino negli ultimi mesi. 

Tenuta settore servizi compensa debolezza manifatturiero 
L’economia del Dragone evidenza come il settore dei servizi stia compensando la debolezza nel settore manifatturiero e delle esportazioni. Dal novembre dello scorso anno la banca centrale cinese ha tagliato cinque volte i tassi di interesse, mentre sul fronte degli investimenti è stata potenziata la spesa in infrastrutture. 
Il ritmo di crescita del settore dei servizi ha accelerato a più 8,4 per cento nel terzo trimestre, mentre il settore manifatturiero si è indebolito a più 6 per cento.
Moderata la reazione dei mercati con lo Shanghai Composite in calo dello 0,16%.