1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura sotto la parità per gli indici Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli indici statunitensi chiudono la seduta deboli nonostante gli acquisti innescati dalla notizia della morte di Osama Bin Laden. Il Dow Jones ha terminato a 12.807,36 punti (-0,02%), -0,18% per lo S&P a 1.361,22 e -0,33% del Nasdaq che si porta a 2.864,08. I dati macro hanno evidenziato un calo del Pmi manifatturiero a 60,4 punti mentre ha stupito in positivo il dato relativo le spese per costruzioni, salite a marzo dell’1,4% mensile (consenso +0,3% m/m). Dal fronte societario M&A sempre in evidenza. +4,01% per Cephalon, che ha accettato l’offerta della compagnia farmaceutica israeliana Teva da 81,5 dollari per azione, pari a circa 6,8 mld di dollari cash. Rally di Volcom, che chiude la seduta con un +23,67% a 24,4 dollari. Il gruppo californiano ha ricevuto un’offerta dai francesi di Ppr da 24,5 dollari per azione. Intanto Community Health Systems (-1,66%) ha nuovamente alzato la sua offerta per l’acquisizione di Tenet Healthcare (-3,46% a 6,69$) a 7,25 dollari per azione. -2,24% per Arch Coal che ha acquistato tutte le azioni di International Coal Group (Icg) per 14,60 dollari per azione, ossia 3,4 miliardi di dollari complessivi. Le trimestrali hanno evidenziato la crescita dei profitti a 315,2 milioni di dollari di Humana (+0,47%) ed il calo degli utili da 420 a 382 milioni registrato da Loews Corporation (-2,78%). Chrysler intanto nel primo trimestre ha registrato un ritorno all’utile con un nero di 116 mln di dollari, dai -197 mln del primo trimestre 2010. +2,49% infine per Yahoo! che sale ai massimi da un anno grazie alla notizia dei recenti acquisti da parte dell’hedge fund Greenlight Capital.