Chiusura sopra la parità per gli indici di Wall Street

Inviato da Marco Berton il Mar, 16/03/2010 - 07:22
Gli indici statunitensi recuperano terreno riuscendo a chiudere in sostanziale parità una seduta per lunghi tratti caratterizzata dal segno meno. Più che le minacce di Moody's alla tripla A statunitense, a preoccupare gli investitori la possibile stretta monetaria in India e Cina. Due velocità per le indicazioni in arrivo dal fronte macroeconomico, con la produzione manifatturiera dell'area di New York scesa a 22,9 punti a marzo e l'indice relativo la produzione industriale che a febbraio si è mosso in linea con le stime mettendo a segno un +0,1%. Il Dow Jones ha terminato con un +0,16% a 10.642,15 punti, +0,05% per lo S&P's a 1.150,51 e -0,23% del Nasdaq a 2.362,21. A Wall Street riflettori puntati sui bancari, nel giorno in cui al Senato Christopher Dodd ha annunciato le linee guida del provvedimento destinato al contenimento, in caso di crisi, del rischio sistemico rappresentato dal "Too Big to Fail". Tra i retailers +2,82% per Wal-Mart, dopo la raccomandazione di acquisto arrivata dagli analisti di Citigroup (-2,02%). +1,61% per Pepsico che dopo aver annunciato un innalzamento del dividendo a 1,92 dollari (+7%) ed un piano di buy-back da 15 miliardi di dollari, ha incassato l'innalzamento di tp da parte di Deutsche Bank a 74 da 70 $ ("buy").
COMMENTA LA NOTIZIA