Chiusura positiva dell'Europa, preoccupa il petrolio

Inviato da Redazione il Gio, 05/08/2004 - 17:47
I mercati ormai sono in ostaggio delle bizze del prezzo del petrolio, che non accenna a diminuire la sua pressione. Il prezzo del greggio resta alto, anche se limando un po' rispetto ai massimi dei giorni scorsi, e le ultime notizie sui rapporti roventi tra governo russo e la Yukos hanno contribuito ad accrescere il nervosismo. Nemmeno i dati macro Us, migliori delle attese, hanno riportato l'attenzione degli operatori su argomenti maggiormente positivi.
La Banca centrale europea ha lasciato invariati i tassi in Eurolandia (2%), mentre la Boe ha alzato ii tassi inglesi dello 0,25% portandolo al 4,75%.
Sull'indice DJ Eurostoxx50, riferimento in Europa per le borse, hanno ceduto maggiormente terreno i titoli di Enel, DaimlerChrysler, Repsol, Bayer, Sap, Volkswagen e Alcatel. Tra i segni più ottima la giornata di Ing, grazie a un'ottima semestrale, bene anche Ahold, Basf e Saint Gobain, Al termine delle contrattazioni la borsa di Parigi ha chiuso in rialzo dello 0,43%, Francoforte ha guadagnato lo 0,14% mentre Amsterdam ha chiuso a +0,76%.
COMMENTA LA NOTIZIA