1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura negativa a Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le misure restrittive cinesi e le tensioni legate all’andamento dell’economia globale hanno spinto al ribasso Wall Street, che nonostante le indicazioni migliori delle attese arrivate dall’indice di fiducia dei consumatori misurato dall’Università del Michigan (69,3 punti) ha terminato la seduta di venerdì con il segno meno. Intanto il G20 di Seul ha registrato un nulla di fatto; il meeting coreano sarà ricordato come il teatro degli attacchi congiunti al nuovo piano di quantitative easing, partito oggi tramite acquisti di Treasury per 7,229 mld. Il Dow ha terminato in calo dello 0,8% a 11.192,58 punti, -1,18% per lo S&P a che perde quota 1.200 attestandosi a 1.199,21 e -1,46% del Nasdaq a 2.518,21. +10,57% per il Vix, l’indice della paura, che si è portato a 20,6 punti.

A livello societario, +1,51% di Intel che si muove in controtendenza rispetto al comparto di riferimento portandosi a casa l’1,51%. La società ha annunciato un incremento del dividendo trimestrale del 15% a 18 centesimi. Rosso invece per Boeing (-3,49%), su cui gli analisti di Bernstein hanno limato la raccomandazione a neutral dal precedente outperform. Dal fronte trimestrali, due velocità per JC Penney (-3,38%) e Dillard’s (+9,72%) nel giorno della presentazione dei conti. +5,07% per Walt Disney, che nonostante le deludenti indicazioni trimestrali ha presentato un outlook migliore delle attese.