Chiusura negativa ma in recupero dai minimi a Wall Street

Inviato da Marco Berton il Ven, 02/07/2010 - 07:25
Wall Street chiude di poco sotto la parità una seduta iniziata all'insegna delle indicazioni peggiori del previsto arrivate dal mercato del lavoro e dal Pmi manifatturiero. Dopo la stima Adp, deludente anche l'aggiornamento relativo le nuove richieste di sussidio di disoccupazione, che, pronosticate a 460 mila unità, sono salite a 472 mila. Peggiore delle attese anche l'indice che misura il sentiment dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero, sceso a 56,2 punti, e l'indice dei compromessi immobiliari, che ha risentito della fine degli incentivi scendendo a maggio del 30%. Inferiore ai pronostici il -0,2% delle spese per costruzioni. Il Dow ha così chiuso in calo dello 0,42% a 9.732,53 punti, -0,32% dello S&P a 1.027,37 e rosso dello 0,37% del Nasdaq a 2.101,36. Dal fronte societario, arrivati oggi i dati relativi le vendite di auto a giugno: General Motors ha annunciato un incremento del 10,7% a/a, +13% annuo per Ford (+4,86%), che, al netto del brand Volvo sale del 15,4%, e +35% per le vendite di Chrysler (Fiat). Nel comparto finanziario, il Dipartimento del Tesoro ha annunciato di aver venduto 1,1 mld di azioni Citigroup (+0,53%), portando il totale a 2,6 mld e l'incasso complessivo sopra i 10 mld. Bank of America (-2,44%) Merrill Lynch ha tagliato le stime di eps sul II trimestre della stessa Citigroup, di Goldman Sachs (-0,1%), di Jp Morgan (-1,31%) e di Morgan Stanley (-0,52%). Ubs ha promosso a "buy" Fedex Corp (+2,7%) e Ups (+1,95%). Sempre per quanto riguarda i giudizi, Apple (-1,21%) è stata inserita nella focus list di Jp Morgan, con target price alzato a 390 dollari dai precedenti 316 dollari. Il titolo è stato appesantito dalla class-action intentata contro la società per problemi di ricezione riscontrati sull'iPhone 4. +1,81% per Yahoo!, in scia dell'approvazione di un piano di buy-back da 3 miliardi di dollari in tre anni.
COMMENTA LA NOTIZIA