1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura negativa per gli indici di Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street ha chiuso ieri sera la seduta con il segno meno spinta al ribasso dalle tensioni in arrivo dall’Europa e dai conti di Cisco, che ha registrato un crollo del 16,21%. Il colosso del networking a margine della presentazione dei conti ha annunciato stime sull’andamento del trimestre in corso peggiori delle attese. Il Dow ha terminato in calo dello 0,65% a 11.283,1 punti, -0,42% dello S&P a 1.213,54 punti e -0,9% per il Nasdaq che si porta a 2.555,52. Volumi più bassi del solito, per via del Veteran’s Day.
Tra le altre storie del giorno, -0,91% per Google, che ha annunciato un aumento salariale del 10% per tutti i suoi dipendenti, per frenare l’esodo delle migliori risorse verso Facebook. Il primo motore di ricerca resta sotto i riflettori anche a causa di un’inchiesta federale per presunte violazioni nell’ambito del programma “Street View”. +2,16% invece per il rivale di Mountain View nel Celeste Impero, Baidu.com. Dal fronte trimestrali, +3,12% per Viacom, che nel terzo trimestre ha registrato un utile netto di 189 milioni di dollari (31 centesimi per azione), in frenata dai 463 milioni (76 centesimi) dello stesso periodo dello scorso anno. +5% per i ricavi a 3,33 miliardi. Segno più anche per Intel (+0,81%) in scia dell’upgrade di Morgan Stanley (-0,9%), che ha alzato la raccomandazione sul titolo a overweight.