1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura in rosso per il listino milanese

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli analisti di M&G Investments redigono un bilancio positivo per questo primo semestre di Borsa del 2005. Secondo loro a trainare al rialzo gli indici, a livello globale, sono stati due temi chiave quali la forza dei prezzi delle commodity – im primis metalli, petrolio e gas – e il rally del dollaro contro le altre valute. Spostando il focus al quadro macroeconomico italiano, gli analisti mettono in evidenza che l’economia del Belpaese è scivolata in uno stato di recessione e che i consumi non sono stati particolarmente incoraggianti, così come anche nel resto d’Europa, ma l’indice S&P/Mib non ne ha risentito più di tanto, dal momento che nei primi sei mesi del 2005 ha fatto registrare un incremento del 4,8%. A solleticare gli acquisti nella city milanese, sempre secondo il parere di M&G Investments, è stata una serie di sviluppi dal fronte societario, come ad esempio l’aria di fusioni e acquisizioni che si respira nel comparto bancario e la scalata a Mediobanca. Senza contare poi la buona performance di titoli energetici quali Eni e Saipem. Gli analisti di M&G Investments promettono però che il momento positivo non è destinato a concludersi e che durerà ancora per la restante parte del 2005. A patto che si “azzecchino” i temi e i settori vincenti. A fine giornata, il Mibtel ha fatto segnare un calo dello 0,32% a 25125 punti, mentre l’S&P/Mib ha chiuso in discesa dello 0,43% a 32843 punti.