1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura in ribasso per Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street riesce a contenere le perdite e a chiudere in rosso di mezzo punto percentuale grazie alle ricoperture in vista del weekend lungo. A giugno la prima economia del pianeta è tornata, per la prima volta nel 2010, a bruciare posti di lavoro, con le buste paga scese di 125 mila unità (-110 mila per il consenso); ha pesato il calo degli occupati nel settore pubblico, che nelle precedenti rilevazioni aveva artificialmente gonfiato le statistiche con 411 mila assunzioni temporanee per lo svolgimento delle operazioni di censimento. In calo invece il tasso di disoccupazione, passato dal 9,7 al 9,5 per cento, con il consensus orientato per un lieve rialzo al 9,8%. In agenda macro anche l’indice che misura gli ordini all’industria di maggio, scesi dell’1,4%. Il Dow e lo S&P hanno chiuso in calo dello 0,47% portandosi rispettivamente a 9.686,48 e 1.022,58 punti, -0,46% del Nasdaq a 2.091,79. Tra i singoli titoli, -1,78% per Garmin, dopo che BofA Merrill Lynch (-1,28%) ha portato il rating a underperform dal precedente buy. Segno meno anche per Bj’s Wholesale (-0,09%), che non è riuscita a capitalizzare le promozioni arrivate dagli analisti di Jefferies (-1,01%) e Goldman Sachs (-0,05%). Dal fronte M&A, Dell ha chiuso in parità nel giorno dell’acquisizione della società di software Scalent, mentre Walt Disney (-0,35%) si è regalata Tapulous, editore di giochi per iPhone. Google (-0,67%) è pronta a rilevare per 700 milioni di dollari ITA Software, azienda attiva nella realizzazione di servizi per il business online.