1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura di ottava in parità per il Dax e il Ftse100

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I listini europei peggiorano nel finale chiudendo l’ottava contrastati. La performance peggiore è quella dell’Ibex, in rosso di mezzo punto percentuale (-0,49%) a 7.934,6 punti, mentre a Parigi il Cac40 è sceso dello 0,33% a 3.557,28 punti. Sostanziale parità per il Ftse100 (-0,06%) e per il Dax (+0,06%) che si sono rispettivamente fermati a 5.866,82 e a 7.405,5. A ottobre il tasso di disoccupazione nella Zona Euro ha fatto registrato un nuovo massimo storico attestandosi all’11,7% mentre l’inflazione nel mese corrente è salita del 2,2% a/a, dal precedente +2,5% a/a.

“Il quadro è abbastanza chiaro”, ha commentato Filippo A. Diodovich, Market Strategist di IG. “Lo scenario macro rimane fortemente depresso e le misure promosse dalla Bce (Ltro) non hanno ancora funzionato. Il rallentamento dell’inflazione apre alla possibilità di un taglio dei tassi di interesse da parte della Bce di 25 punti base già a partire dal prossimo giovedì, con il tasso di riferimento che potrebbe essere abbassato al nuovo minimo storico (dallo 0,75% allo 0,50%)”. “Riteniamo -continua l’analista- che le pressioni sul consolidamento del debito nell’area euro dovrebbero lasciare spazio ora alle misure di stimolo, per rilanciare le attività economiche del Vecchio Continente e arginare in qualche modo la perdita di posti di lavoro che sta colpendo l’intera area”.