1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura debole a Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nonostante le minute della Fed abbiano appesantito gli indici, con un colpo di coda nel finale Wall Street è riuscita a chiudere in parità. Dal fronte macro, indicazioni confortanti dall’indice Redbook (+2,8% annuo e +1% nel confronto mensile), dallo S&P/Case Shiller, che ha rilevato prezzi delle case in crescita a giugno del 4,23%, e dai 53,5 punti messi a segno dalla fiducia dei consumatori statunitensi ad agosto. Deludente il Pmi Chicago, sceso a 56,7 punti. Ma più che dall’indice dei direttori degli acquisti l’andamento di Wall Street ha risentito delle minute dell’ultima riunione del Fomc, che hanno evidenziato una spaccatura all’interno della Fed sulle prossime mosse da adottare per sostenere l’economia. Il Dow Jones ha chiuso a 10.014,72 punti (+0,05%), lo S&P a 1.049,33 (+0,04%) ed il Nasdaq a 2.114,03 (-0,28%). Nel comparto societario ancora l’M&A protagonista. Secondo indiscrezioni Saks (+19,7% a 7,9$) potrebbe essere acquisita da un consorzio di private equity con un’offerta da 1,7 miliardi di dollari, pari a 11 dollari per azione. Cigna Corp. (+0,97%) ha invece annunciato di aver comprato la belga Vanbreda International, specializzata nell’assicurare l’attività delle organizzazioni non governative in ogni parte del mondo, e 3M ha acquistato per 230 mln l’israeliana Attenti Holdings (che produce cavigliere per il controllo dei condannati). Cisco (-1,65%) invece secondo Techcrunch avrebbe offerto 5 mld di dollari per aggiudicarsi Skype prima che la compagnia di telefonia via internet si quoti in Borsa. Intanto a Wall Street si è diffusa la voce secondo cui Dell (-2,08%, downgrade di S&P Equity a “sell” dal precedete “hold”) potrebbe rinunciare all’acquisto di 3PAR (+0,94%), lasciando il campo libero ad HP (-0,29%). Tra i farmaceutici Bristol-Myers Squibb (+0,89%) e Pfizer (+0,32%) hanno sviluppato in partnership un farmaco anticoagulante, apixiban, efficace per ridurre i rischi di infarto. Vendite invece su Monsanto (-5,81%), che ha ridotto la guidance per l’anno fiscale al 31 agosto da 2,4-2,6 dollari per azione a 2,4-2,45 dollari.