Chiusura debole per Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nonostante le indicazioni confortanti arrivati dall’M&A, Wall Street chiude ai minimi di seduta. Per quanto riguarda gli aggiornamenti macro, l’indice dell’attività manifatturiera di Dallas ha mostrato a settembre una caduta a -17,7 punti dai precedenti -13,5 punti, ed il Chicago Fed Nat Activity Index, l’indice che misura l’attività manifatturiera di Chicago, ad agosto si è attestato a -0,53 punti contro attese di 0,50 punti. Il Dow ha così chiuso in calo dello 0,44% scendendo a 10.812,04 punti, -0,57% per lo S&P a 1.142,16 e rosso dello 0,48% del Nasdaq a 2.369,77 punti.

Nel comparto societario il protagonista è sempre l’M&A. Wal-Mart (-1,11%) ha annunciato di aver lanciato un’offerta preliminare per rilevare Massmart per 4,26 miliardi di dollari. La società sudafricana vanta 290 store in 13 Paesi africani. Unilever invece ha raggiunto un accordo per acquisire l’americana Alberto Culver (+19,57%) per 37,50 dollari per azione, valutando la compagnia, specializzata in prodotti per capelli, circa 3,7 miliardi di dollari. Southwest Airlines (+8,71%) si è regalata AirTran Airways (+61,32%) per un controvalore di 7,69 dollari per azione (1,4 miliardi la cifra complessiva), +69% rispetto alla chiusura di AirTran di venerdì. Sempre tra i titoli legati al trasporto aereo, +7,11% per JetBlue, che ha approfittato del giudizio positivo di Barron’s, secondo il quale il carrier potrebbe beneficiare del focus della società sulla clientela business. In controtendenza rispetto al comparto di riferimento (-0,83%) il titolo AIG (+1,81%). Nel corso della settimana il Dipartimento del Tesoro dovrebbe alzare il velo sul piano di dismissione della quota detenuta nella società. Secondo indiscrezioni, il Tesoro potrebbe convertire in azioni ordinarie i 49 miliardi di azioni privilegiate in suo possesso e mettere la quota sul mercato nel primo semestre del 2011.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…